"DESTINO" di Daniela Cetani, sarà il prossimo libro per bambini edito da Polissena in uscita prima dell'estate

 "Questa è la storia di Destino
che un bel mattino
si svegliò
senza il suo cuoricino..."

Inizia così questa bellissima avventura di un piccolo uccellino di nome Destino che si sveglia una mattina e non trova più il suo cuore. Intraprende allora un fantastico viaggio lungo il quale incontra altri animali e vecchi saggi del bosco che sapranno dargli utili consigli per ritrovarlo...

Il libro è scritto ed illustrato dalla giovane Daniela Cetani che vive e lavora in provincia di Matera: il suo è un racconto dolcissimo e delicato, dalle sfumature poetiche e sognanti, con delle bellissime illustrazioni (tutte realizzate con la tecnica della linoleografia, ovvero dell’incisione su linoleum, una tecnica di stampa  artistica diretta che viene ricavata dall’incisione di una matrice in linoleum).
Il libro è adatto ai più piccini, ma anche ai grandi che amano questo genere di armoniosa narrazione.

In arrivo prima dell'estate!


Prossima uscita, il libro: "Polissena racconta le fiabe scritte dai piccoli" di AA. VV.

Come una “fatina del bosco piccina picciò” ho assistito alla creazione di questi racconti rimanendo sorpresa per ogni meraviglia narrata da questi piccoli e talentuosissimi autori.

Quando è nata l’idea di questa iniziativa elaborata insieme a Maura Marziali, io, come novello editore che si muove in un mondo assolutamente nuovo e difficile, non sapevo che il progetto che si sarebbe sviluppato mi avrebbe regalato così tante emozioni e soddisfazioni.

La prima edizione del corso di scrittura creativa “Polissena racconta le fiabe scritte dai piccoli” è nata con il patrocinio del Comune di Ascoli Piceno, si è svolta nell’aula ragazzi della biblioteca comunale cittadina e ha riscontrato un’ottima partecipazione: circa trenta iscritti sulla carta e più di venti partecipanti effettivi.

L’inizio di questa avventura è stato entusiasmante, ma ancor di più lo è stato vedere nei bambini crescere la curiosità e la creatività, dal primo incontro, fino all’ultimo. La costanza e l’impegno di questi piccoli scrittori sono stati davvero encomiabili e nel mio cuore rimarrà per sempre il ricordo della piccola Emma che arriva in biblioteca con le orecchiette da gattina o il cerchietto da principessa e di Camilla che sbuffante per il caldo prende posto e non vede l’ora di iniziare a scrivere il suo nuovo racconto. Ma mi ricorderò anche di Andrea e delle sue fantastiche storie sempre a lieto fine, di Mattia (che ha disegnato un bellissimo e stravagante carro alato trainato da topi volanti), di Chiara, Irene, Caterina, Vittoria, Laura, Claudio, Zoe, Vanessa, Beatrice, Giulia, Samuele, Sofia, Elena, Nicolò, Eugenio, Bianca, Ixel, Valeria e tutti gli altri (chiedo scusa se ho tralasciato qualche nome).

Tutti bravissimi a disegnare oltre che a scrivere, tutti con una loro precisa personalità e sensibilità: hanno dato vita ad una bellissima raccolta di 55 racconti e 10 illustrazioni.

Lascio questo libro ai lettori grandi e piccoli, insieme al mio cuore, così come con tutto il cuore lo dedico ai miei genitori e al ricordo della mia infanzia.

Grazie a tutti!                                               

                                               

Next: a maggio la raccolta poetica "Mare Magnum" di Franca Canitella


Sta per uscire il terzo libro edito da "Polissena Fiabe e Poesie" : una intensa e suggestiva raccolta poetica firmata dalla scrittrice pugliese Franca Canitella.
Definire le poesie, fare la "sinossi" di una raccolta poetica, non è cosa semplice, anzi forse è impossibile. Ecco perché sarà meglio lasciare parlare alcuni versi:

Siamo stelle

Non è vero che abbiamo

quello che meritiamo,

abbiamo quello che siamo in grado

di sostenere,

di reggere,

di migliorare.

Non è vero

che abbiamo quello che meritiamo,

abbiamo quello

che siamo in grado

di costruire o demolire.

Siamo stelle il cui splendore è

misurato dalla distanza

in cui siamo posti,

alcune si distanziano

così tanto,

da sembrare piccoli puntini,

sono quelle che

si perdono

nello spazio smisurato del proprio ego

e accecati dal proprio abbaglio

non illuminano null’altro che se stessi.

E poi ci sono quelle

sempre in cerca di luce nuova

il loro brillare

illumina chiunque si avvicini.

Non è vero

che abbiamo quello che meritiamo

abbiamo quello

che siamo in grado di fare splendere.


La prefazione

"La raccolta ti regala un viaggio dai temi attuali raccontati con spiccata sensibilità e delicatezza.

Si parla di libertà e si onora chi lotta, chi difende, chi non si arrende. Il mio cuore ha un sussulto al sol pensiero e ringrazio l’autrice per aver scelto di raccontare attraverso i veli poetici gli ultimi anni passati, le difficoltà vissute, suggerendo l’unica arma invincibile per la pace, il seme che estirpa ogni male: l’amore..."

dalla Prefazione di Marta Iside Riva (scrittrice)

L'autrice

Franca Canitella, vive ad Altamura (Ba) da sempre appassionata alla scrittura ha esordito con il romanzo  La camelia bianca  a seguire il romanzo Fanny Grunt per il quale le viene conferito dall’Accademia Internazionale Francesco Petrarca il premio alla professione.

Della stessa autrice il romanzo Lica la papessa di Fanny Grunt e la raccolta di poesie Sfumature in versi.

La prossima uscita di Polissena: "L'Elemosiniere del Re- I palloni ritrovati" di Maura Marziali


E' in arrivo la seconda uscita editoriale di "Polissena Fiabe e Poesie", questa volta interamente dedicata ai più piccoli.
Si tratta del libro per ragazzi dal titolo "L'Elemosiniere del Re-I Palloni ritrovati" , due racconti fantastici ma non troppo, ispirati alla realtà negli eventi narrati e nei personaggi, con un pizzico di sobria magia, come quello della Fata della Rua che mette i palloni in un sacco per ripararli e regalarli ai bambini poveri.
Ecco uno stralcio del racconto "I Palloni ritrovati":

"Era una giornata di marzo fresca e frizzante, con il sole che entrava ed usciva da masse di nuvole grigie. La piazza deserta nel primo mattino non sapeva che avrebbe assistito a qualcosa di insolito. Arrivò un camioncino con una grande gru che parcheggiò di fronte alla chiesa. L'operaio azionò il meccanismo e il braccio si stese ed allungò sul tetto della chiesa, di fianco al campanile. La cosa straordinaria fu veder saltare, uno dopo l'altro, una serie di palloni di vario colore ed età. Ce n'era uno sgonfio ed usurato dal tempo, qualcun altro dai colori brillanti e davanti al sagrato se ne ammucchiarono una quarantina arricchendo lo spazio di un'insolita collezione...."
                            
Maura Marziali